skip to Main Content
Ducati StreetFighter V4 S The Fight Formula – DUCATI SALERNO

Ducati StreetFighter V4 S The Fight Formula – DUCATI SALERNO

Ducati StreetFighter V4 S The Fight Formula

La Panigale V4 spogliata delle carene, con manubrio alto e largo, 178 kg di peso, motore Desmosedici Stradale 1.100 cc con 208 CV, tenuti a bada da ali biplano e da un pacchetto elettronico di ultima generazione; questa è la “Fight Formula”, ovvero la formula che dà vita allo Streetfighter V4. Il risultato è una naked Ducati, moderna e tecnologica con un design aggressivo ed emozionante, capace di rendere chi la guida protagonista su ogni strada.
Lo spirito dello Streetfighter V4 è perfettamente rappresentato dal design minimalista del proiettore full-LED che richiama il frontale della Panigale V4 e rimanda all’espressione del Joker, il personaggio dei fumetti a cui si è ispirato il designer della nuova naked. La firma di Ducati è poi rappresentata dal DRL a V che caratterizza già Panigale V4 e SuperSport.

UNA GUIDA POTENTE ED EMOZIONANTE
Una moto molto performante ma con una grande attenzione al comfort, grazie a una ergonomia rilassata, una sella ben imbottita e delle sospensioni tarate per l’uso stradale. Una moto sicura, come tutte le Ducati di nuova generazione, grazie a un pacchetto elettronico molto completo che ha come primo obiettivo quello di aumentare la facilità e la sicurezza di guida.

UNA NAKED SENZA RIVALI
Una moto capace di amplificare le emozioni di chi la guida facendolo sentire protagonista in ogni uscita su strada. Il risultato è una nuda senza rivali, moderna e tecnologica, dal design potente ed emozionante, che non fa nulla per nascondere le proprie prestazioni.
Il nuovo Streetfighter V4 è equipaggiato con il Desmosedici Stradale da 1.103 cm³. In questa configurazione il V4 di 90° eroga 208 CV (153 kW) a 12.750 giri/minuto, una potenza elevata per una naked, che non ha rivali nel segmento, coerente all’immagine forte che è propria del nuovo Streetfighter V4.
Praticamente immutato rispetto alla Panigale V4 il valore di coppia massima di 123 Nm (12,5 kgm) a 11.500 giri/minuto. Una mappa dedicata del controllo motore consente di sfruttare in tutta sicurezza le prestazioni dello Streetfighter V4 nell’impiego su strada.
Il rapporto finale più corto rispetto a quello della Panigale V4 regala una coppia alla ruota superiore del + 10% che assicura una risposta immediata ai comandi dell’acceleratore.
Potenza e coppia possono crescere ulteriormente raggiungendo rispettivamente i 220 CV e i 130 Nm montando lo scarico full-racing Ducati Performance by Akrapovič completamente in titanio che riduce anche il peso di 6 Kg (non omologato per uso stradale).
In alternativa si possono montare i silenziatori in titanio Akrapovič che aumentano la potenza fino a 216 CV per una riduzione di peso di 4Kg (non omologati per uso stradale).

ERGONOMIA CON PIU’ COMFORT E PIU’ CONTROLLO
Rispetto alla Panigale V4 la posizione in sella del pilota, che siede a un’altezza da terra di 845 mm, è stata ridefinita secondo le specifiche di un modello naked. Come vuole la cultura Streetfighter, i semi manubri sono sostituiti da un manubrio alto e largo che, insieme ad una sella con ben 60 mm di imbottitura ed una posizione meno estrema delle pedane pilota, garantisce un comfort sportivo nella guida urbana e il controllo necessario per aggredire le strade extraurbane o la pista.
Pur mantenendo gli stilemi della Panigale, la coda è supportata da un telaietto in acciaio ed è stata ridisegnata per offrire un maggiore comfort al passeggero e più spazio longitudinale al pilota.lità ai regimi motore impiegato su strada.

CONTROLLI ELETTRONICI DERIVATI DALLA MOTO-GP
Il pacchetto elettronico di ultima generazione dello Streetfighter V4 è basato sull’impiego di una piattaforma inerziale a 6 assi (6D IMU – Inertial Measurement Unit) in grado di rilevare istantaneamente angolo di rollio, di imbardata e di beccheggio della moto nello spazio.
Comprende controlli che gestiscono tutte le fasi della guida: alcuni sono deputati alla partenza, accelerazioni e frenate, altri sovrintendono alla trazione, altri ancora sono relativi alle fasi di percorrenza ed uscita di curva.

  • ABS Cornering EVO
  • Ducati Traction Control (DTC) EVO 2
  • Ducati Slide Control (DSC)
  • Ducati Wheelie Control (DWC) EVO
  • Ducati Power Launch (DPL)
  • Ducati Quick Shift up/down (DQS) EVO 2
  • Engine Brake Control (EBC) EVO
  • Ducati Electronic Suspension (DES) EVO

I parametri di funzionamento di ciascun controllo sono associati di default ai tre Riding Mode di cui lo Streetfighter V4 è dotato. Al pilota è data la possibilità di personalizzare i propri stili di guida e di ripristinare i parametri impostati da Ducati.
È possibile la modifica rapida del livello di una tra le funzioni di controllo DTC, DWC, DSC o EBC tramite i tasti di accesso diretto posti sul commutatore sinistro.

STRUMENTAZIONE TFT DI SECONDA GENERAZIONE
Il nuovo Streetfighter V4 utilizza lo stesso cruscotto full-TFT da 5” a colori ad elevata risoluzione (186.59 PPI – 800xRGBx480) della Panigale V4. L’elemento dominante del cruscotto è il contagiri circolare virtuale, posto sul lato destro. I giri del Desmosedici Stradale sono visualizzati attraverso un indicatore a lancetta, seguito nel suo movimento da una scia bianca che funge da “shiftlight” mutando colore da bianco, ad arancione, fino a diventare rossa all’approssimarsi della zona di fuori giri.
Sono disponibili due diversi lay-out richiamabili dal pilota: la visualizzazione “Track”, che mette in primo piano l’indicazione del tempo sul giro e in cui la scala del contagiri rende nettamente più visibili i regimi motore utilizzati in pista, e la visualizzazione “Road”, che sostituisce al tempo sul giro le indicazioni relative al Ducati Multimedia System (DMS), se presente, e dà più visibilità ai regimi motore impiegato su strada.

Back To Top